Martedì, 21/11/2017
Ora:
Veduta da Poggio S.Ercolano Copyright© Riccardo Farabi,1999.

E' vietata la riproduzione, anche parziale, dei testi e delle immagini senza l'autorizzazione dell'autore.

Reproduction of part or all of the contents and images of our Site in any form is prohibited.
Pieve di Compresseto
Longitudine 12 41 30    E
Latitudine 43 13 45    N
Alt. s.l.m. 535  metri
Abitanti 200
Cap 06023
Comune Gualdo Tadino
Provincia Perugia
Nazione Italia
Prefisso telefonico (++39) 075
Patrono / Compatrono San Macario / Beato Marzio

Ameno Borgo adagiato su di una verde collina dell' Appennino Umbro-Marchigiano.
La sua origine risale al Primo Medioevo quando, tra un poderoso Castello ed una splendida chiesa, si sviluppa "la Pieve": due file di case che, nel tempo, hanno finito per unire le due preesistenti costruzioni, creando una piazza che, anche oggi è, il cuore della vita del Paese.
Da uno splendido viale di ippocastani, lungo circa 150 metri, si scopre l'alta Valle del Tevere, Gubbio, Monte Catria e Monte Cucco, la Val di Chiascio.
Superato il periodo Medioevale, caratterizzato da guerre e scontri infiniti, la vita di questo Borgo si svolge attraverso i secoli, con un impegno totale nell' agricoltura, che rappresenta l'unica fonte di lavoro, fino alla metà di questo secolo, quando l'emigrazione lo priverà delle forze migliori.
Oggi, le vicine industrie, nate negli ultimi decenni, danno lavoro a molti abitanti di questo Paese, che conserva, comunque, le sue caratteristiche di serenità e di pace, rendendolo ambita meta per la villeggiatura estiva.